Il trovatore

Testi di Salvadore CAMMARANO, musiche di Giuseppe VERDI, anno 1853.

Immagine degli MP3


Edizione Cetra del 1951, opera completa, registrazione in studio.

Orchestra della RAI di Roma
diretta da Fernando Previtali.

Tempo totale: 2:03:15 ascolta Scarica il file M3U per ascoltare tutti i brani.

Personaggio Interprete
Conte  Carlo Tagliabue
Leonora  Caterina Mancini
Azucena  Miriam Pirazzini
Manrico  Giacomo Lauri-Volpi
Ferrando  Alfredo Colella
Ines  Graziella Sciutti
Ruiz  Mario Carlin
Vecchio zingaro  Ezio Achilli
Messo  Mario Carlin

 soprano    • mezzosoprano    • contralto   
basso    • baritono    • tenore   


Nel sito dal: 07 / 2011
Se la pubblicazione di questa edizione
infrange in qualche modo le leggi sul diritto d'autore vigenti in Italia segnalatecelo.

I rimandi a eventuali pagine esterne al sito sono indicati con il simbolo Link esterno .


Elenco dei brani, con scena d'inizio e dettaglio dei personaggi coinvolti.
 

IncipitIl duello

ScenaIncipitInterpreti DurataDimensioni
1 All'erta, all'erta! Il Conte Ferrando, Coro ascolta 03:14 1.55 Mb
1 Di due figli vivea padre beato Ferrando, Coro ascolta 07:35 3.54 Mb
2 Che più t'arresti?... l'ora è tarda; vieni Ines, Leonora ascolta 02:10 1.06 Mb
2 Tacea la notte placida Leonora, Ines ascolta 06:39 3.12 Mb
3 Tace la notte! immersa Conte ascolta 01:46 0.88 Mb
3 Deserto sulla terra Manrico ascolta 01:16 0.65 Mb
3 Non m'inganno... Ella scende! Conte, Leonora, Manrico ascolta 04:40 2.21 Mb
 

IncipitLa gitana

ScenaIncipitInterpreti DurataDimensioni
1 Vedi! Le fosche notturne spoglie Coro ascolta 03:05 1.48 Mb
1 Stride la vampa! la folla indomita Azucena ascolta 02:14 1.09 Mb
1 Mesta è la tua canzon! / Del pari mesta Coro, Azucena, Manrico ascolta 01:48 0.89 Mb
1 Soli or siamo; deh, narra Manrico, Azucena ascolta 00:57 0.5 Mb
1 Condotta ell'era in ceppi al suo destin tremendo Azucena, Manrico ascolta 04:51 2.29 Mb
1 Non son tuo figlio?... E chi son io? chi dunque? Manrico, Azucena ascolta 02:10 1.06 Mb
1 Mal reggendo all'aspro assalto Manrico, Azucena, Messo ascolta 06:34 3.08 Mb
3 Tutto è deserto! né per l'aura ancora Conte, Ferrando ascolta 01:28 0.74 Mb
3 Il balen del suo sorriso Conte ascolta 06:02 2.83 Mb
3 Ah! se l'error t'ingombra Coro ascolta 03:27 1.65 Mb
4 Perché piangete? / Ah! dunque Leonora, Coro, Conte ascolta 01:59 0.97 Mb
4 E deggio e posso crederlo? Leonora, Conte, Coro, Manrico, Ferrando, Ruiz, Ines ascolta 04:29 2.12 Mb
 

IncipitIl figlio della zingara

ScenaIncipitInterpreti DurataDimensioni
1 Or co' dadi, ma fra poco Coro, Ferrando ascolta 04:43 2.23 Mb
2 In braccio al mio rival? Questo pensiero Conte, Ferrando, Coro, Azucena ascolta 02:02 1 Mb
4 Giorni poveri vivea Azucena, Ferrando, Conte, Coro ascolta 04:43 2.23 Mb
5 Quale d'armi fragor Leonora, Manrico ascolta 01:53 0.93 Mb
6 Ah sì, ben mio, coll'essere Manrico ascolta 02:34 1.25 Mb
6 L'onda dei suoni mistici Leonora, Manrico ascolta 01:00 0.53 Mb
6 Manrico? / Che? La zingara Ruiz, Manrico, Leonora ascolta 00:48 0.44 Mb
6 Di quella pira... l'orrendo foco Manrico, Leonora, Ruiz, Coro ascolta 02:02 1 Mb
 

IncipitIl supplizio

ScenaIncipitInterpreti DurataDimensioni
1 Siam giunti; ecco la torre, ove di stato Ruiz, Leonora ascolta 02:49 1.36 Mb
1 D'amor sull'ali rosee Leonora ascolta 03:31 1.68 Mb
1 Miserere d'un'alma già vicina Coro, Leonora, Manrico ascolta 05:19 2.5 Mb
2 Udiste? Come albeggi Conte, Leonora ascolta 01:00 0.53 Mb
2 Qual voce!... come!... tu, donna? / Il vedi Conte, Leonora ascolta 06:51 3.21 Mb
3 Madre... non dormi? / L'invocai più volte Manrico, Azucena ascolta 08:36 4 Mb
4 Che!... Non m'inganna quel fioco lume? Manrico, Leonora, Azucena ascolta 03:59 1.89 Mb
4 Ti scosta... / Non respingermi Manrico, Leonora, Conte, Azucena ascolta 05:01 2.36 Mb
 

Collegamenti

Vai al libretto completo

Il duello

All'erta, all'erta! Il Conte Di due figli vivea padre beato Che più t'arresti?... l'ora è tarda; vieni Tacea la notte placida Tace la notte! immersa Deserto sulla terra Non m'inganno... Ella scende!

La gitana

Vedi! Le fosche notturne spoglie Stride la vampa! la folla indomita Mesta è la tua canzon! / Del pari mesta Soli or siamo; deh, narra Condotta ell'era in ceppi al suo destin tremendo Non son tuo figlio?... E chi son io? chi dunque? Mal reggendo all'aspro assalto Tutto è deserto! né per l'aura ancora Il balen del suo sorriso Ah! se l'error t'ingombra Perché piangete? / Ah! dunque E deggio e posso crederlo?

Il figlio della zingara

Or co' dadi, ma fra poco In braccio al mio rival? Questo pensiero Giorni poveri vivea Quale d'armi fragor Ah sì, ben mio, coll'essere L'onda dei suoni mistici Manrico? / Che? La zingara Di quella pira... l'orrendo foco

Il supplizio

Siam giunti; ecco la torre, ove di stato D'amor sull'ali rosee Miserere d'un'alma già vicina Udiste? Come albeggi Qual voce!... come!... tu, donna? / Il vedi Madre... non dormi? / L'invocai più volte Che!... Non m'inganna quel fioco lume? Ti scosta... / Non respingermi